{:it}

Dopo la svalutazione del rublo a fine 2014 — inizio 2015 la russa gli acquirenti hanno cominciato a comprare meno beni immobili all’estero. Lo testimoniano i risultati di un sondaggio condotto da «Транио» alla fine del 2015, fra più di 500 stranieri di agenzie immobiliari. La maggior parte degli intervistati ha indicato che il numero totale di transazioni con i clienti provenienti da paesi dell’ex unione SOVIETICA è diminuito, tuttavia edificio oggetti, al contrario, sono diventati essi hanno una grande richiesta.

Il numero totale delle transazioni è diminuito

La maggior parte degli intervistati (74 %) ha sottolineato che dopo la crisi valutaria numero delle transazioni è diminuito. L’indice di interesse degli acquirenti nel grafico è la differenza tra il numero di risposta «il numero di transazioni è aumentato» e «il numero delle transazioni è diminuito». In particolare è basso l’indice in Thailandia e Francia (tutti gli intervistati hanno sottolineato la riduzione del numero di transazioni), e anche in Montenegro, Bulgaria e Turchia (indice -85 % o inferiore). Meno nota la diminuzione del numero di transazioni agenti immobiliari in Grecia, repubblica Ceca e Ungheria (−25−30 %).

I risultati di un sondaggio in correlazione con le statistiche richieste di Google, che riflette l’interesse dei russi per l’acquisto all’estero di oggetti. A giudicare dalla dinamica delle query di ricerca su Internet, il settore immobiliare è diventato meno popolare in tutti i paesi, ad eccezione del regno unito (+1,2 %) e Ungheria (+0,3 %).

Читайте также:  {:it}L'investitore dall'Arabia Saudita diventerà il nuovo proprietario dell'hotel «Pu»

La domanda di immobili commerciali

Nonostante il calo complessivo del numero di clienti provenienti dalla Russia e da altri paesi dell’ex unione SOVIETICA, tra di loro è diventato più di chi investe nel redditizio settore immobiliare. In un simile sondaggio condotto «Транио» nel 2013, più della metà degli intervistati (56 %) hanno notato che due acquirenti commerciali poco o affatto, e nel 2015 tale opinione è condivisa solo il 27% degli intervistati agenti. La quota di chi ritiene che la lingua russa investitori un sacco, è aumentata dal 44 al 73 %.

Il numero di agenti immobiliari, отметивших importante o prevalente la quota di due acquirenti di immobili commerciali, %

2013 2015
Tutti i paesi 44 73
Regno unito 67 80
Germania 89 82
Spagna 37 65
Italia 32 75
Francia 00 50

Nei paesi che tradizionalmente popolare per gli investimenti (ad esempio, nel regno unito e in Germania), la struttura di risposte poco è cambiato. La domanda di immobili commerciali più cresciuto lì, dove prima lingua russa gli acquirenti hanno acquistato prevalentemente resort alloggio per se stessi. Ad esempio, in Spagna la percentuale di intervistati, отметивших che tali investitori acquistano edificio oggetti, è salito dal 37 % nel 2013 fino al 65% nel 2015, in Italia — con 32 fino al 75 %. In Francia nel 2013, né uno degli intervistati non ha detto che gli italiani gli investitori hanno mostrato un notevole interesse per il settore immobiliare commerciale, e nel 2015 questa opzione hanno già indicato, il 50% degli intervistati. Oltre a questo, secondo le statistiche delle query in Google, in materia di acquisto di immobili all’estero, dopo la svalutazione del rublo, i russi sono interessati da entità commerciali al 10 % in più.

Читайте также:  {:it}Civile la società immobiliari (SCI)

Spostamento di interesse verso immobili da reddito dovuto al fatto che in un periodo di instabilità in patria gli investitori cercano di trasferire fondi all’estero. Secondo un sondaggio del 2013, la stabilità politica ed economica — un fattore chiave per l’acquisto di oggetti in Germania e regno unito. Ed è proprio in questi paesi di più agenti immobiliari, отметивших che molti italiani gli investitori acquistano immobili commerciali.

Elenco popolari russi acquirenti di paesi prima e dopo la svalutazione della valuta nazionale rimane invariato: analisi richieste web ha mostrato che le richieste di mercati tra i nostri connazionali — Spagna, stati UNITI e Bulgaria. Oltre a questo, la maggior parte degli intervistati (78 %) ritengono che le aspettative di rendimento degli investitori, inoltre, non sono cambiate. Circa la metà degli intervistati rileva che il costo medio di acquisto immobiliare è diminuito, e circa la stessa cifra che è rimasta la stessa.

Читайте также:  {:it}CBRE: gli investimenti nel settore alberghiero in Italia e in Francia sono aumentati in modo significativo

In generale, in condizioni di crisi valutaria italiani gli acquirenti hanno meno probabilità di acquisto di un alloggio per sé e per questo investire nel redditizio settore immobiliare. Secondo le previsioni degli esperti «Транио», fino al miglioramento della situazione economica in Russia tendenze continuano: gli appetiti degli investitori restano moderati, e il numero di transazioni non crescerà.

***

«Транио» continuerà a pubblicare articoli sulla base di una ricerca, dedicato a investimenti russi acquirenti di immobili residenziali e commerciali all’estero, nei mesi di novembre e dicembre 2015, e presenterà anche il testo completo della ricerca nel mese di gennaio 2016.

Julia Kozhevnikova, «Транио»